top of page

Info generali

Panoramica su Tanzania e Zanzibar

La Tanzania porta a pensare ai grandi esploratori inglesi alla ricerca delle sorgenti del Nilo, che si incontravano sulle sponde del lago Tanganika a metà dell’Ottocento. Basta citare Henry Stanley o il missionario David Livingstone, e tornano alla mente gli scenari selvaggi e misteriosi di questa splendida terra, da sempre contornata di un alone di mistero e senso dell’ignoto. Fino agli Anni ’60 era conosciuta con il nome di Tanganica, perché solo dopo l’unione con Zanzibar del 1963, ha preso il nome di Repubblica Unita della Tanzania. Attraversandola in aereo si nota un vasto plateau centrale che si inclina verso l’Oceano Indiano. L’interno è bagnato da tre grandi laghi: a nord il Vittoria (il più esteso dell’Africa), sul confine con il Kenya e l’Uganda; a ovest il Tanganika, considerato il secondo più vecchio al mondo ed il secondo per profondità; a sud, infine, il lago Malawi. La grande spaccatura della Great Rift Valley, invece, segna l’area settentrionale punteggiandola con grandi e piccoli vulcani. La Tanzania non è solo uno degli angoli più belli del pianeta, ma anche un territorio con una varietà faunistica tra le più ampie della Terra. Imperdibili le bellezze naturali come i parchi, tra cui il Serengeti e il Ruaha o lo spettacolare cratere di Ngorongoro. Per gli amanti del mare proprio in Tanzania si trovano alcune delle mete balneari più attraenti, speziate ed esotiche come Zanzibar e Pemba.

Come ci si arriva?

La Tanzania ha 3 aeroporti internazionali: 

  • Aeroporto internazionale di Dar es Salaam (DIA) conosciuto con il nome di Mwalimu J.K. Nyerere International Airport a circa 8 km dalla citta' di Dar es Salaam.

  • Aeroporto internazionale di Zanzibar (ZIA) a circa 5 km dal centro cittadino di Stone Town

  • Aeroporto internazionale di Kilimanjaro (KIA), a circa 30 km da Arusha e 35 km da Moshi 

Principali compagnie aeree per Zanzibar: 

Etiopian Airlines, NEOS, Quatar Airways, Turkisch Airlines, Oman Air, Kenia Airways, KLM

 

Visto

  • Si richiede in aeroporto, ha una validità massima di 90 giorni, si paga con carta di credito ad un costo di 50$ oppure 50€

  • Allʼarrivo in Tanzania, il passaporto del viaggiatore deve avere validità residua di almeno 6 mesi

  • Lo stesso passaporto deve contenere almeno una pagina vuota

  • Il viaggiatore deve già essere in possesso di un biglietto per il viaggio di ritorno o di transito

  • Il viaggiatore deve aver già prenotato almeno un pernottamento in Tanzania

Vaccini

Non esistono vaccini obbligatori previsti all’entrata nel paese.

Per un parere aggiornato, qualificato e adatto alla propria condizione vi consigliamo di informarvi presso la vostra azienda sanitaria per l’eventuale prassi vaccinaria da adottare.

Info utili

  • Lingua: Le lingue ufficiali della Tanzania sono l’inglese e lo swahili.

  • Religione: In Tanzania il 35% della popolazione circa è cristiana, il 35% musulmana e il 30% pratica credenze e culti indigeni. L’isola di Zanzibar è al 99% musulmana.

  • Valuta: Lo Scellino Tanzaniano del quale la taglia più grande delle banconote è di 10.000TSZ e il dollaro.

  • Fuso orario: In Tanzania ci sono 2 ore in più rispetto all’Italia con l’orario solare, mentre con l’orario legale la differenza è di un’ora.

  • Elettricità: La Tanzania utilizza spine inglesi (Socket 3 Pin Square) a 220/230 voltaggio 50 Hz. Se è necessario utilizzare apparecchiature elettriche, assicurarsi di portare un adattatore appropriato. Scollegare tutti gli apparecchi elettrici quando non sono in uso. 

Cosa devo portare? 

Visto il clima particolarmente favorevole è sempre possibile visitare la splendida isola di Zanzibar; difatti la temperatura, anche nelle stagioni più fredde, non scende sotto i 20 °C e non sale oltre i 35°C in estate. Le stagioni sono invertite a quelle europee, esistono i periodi delle grandi piogge ad aprile e maggio e delle piccole piogge a novembre.

Vi consigliamo di portare in valigia una buona protezione contro le zanzare visto che sono sempre in agguato. Il sole cocente di Zanzibar potrebbe causarvi delle scottature, quindi vi consigliamo di portare sempre una protezione solare 50 e di evitare l'esposizione durante le prime ore del pomeriggio. I panni devono essere leggeri, larghi e lavabili. La fibra naturale come il cotone riduce la sudorazione. Le zanzare non amano i colori vivaci.

Zanzibar è prevalentemente musulmana, quindi è sempre consigliabile portare dei pantaloni lunghi e la copertura delle spalle mentre si visitano i villaggi o la capitale Stone Town per non urtare la sensibilità autoctona. Da portare anche un cappello e delle scarpe comode per camminare nei villaggi o nelle zone più rocciose dell'isola.

 

Per la barriera corallina, attrezzatura per snorkeling, scarpe acquatiche o con suola in gomma.

bottom of page